Componi il tuo itinerario

Naviga la mappa e aggiungi le tue destinazioni oppure filtra i luoghi per categoria. Poi scarica l'app Qui Oltrepò e porta con te il tuo itinerario.

Non sai da dove cominciare? Lasciati ispirare dai nostri itinerari.

Itinerari suggeriti

Salva l'itinerario nell'app

Nome itinerario

ID itinerario:

Scarica l'app

Porta con te questo itinerario

Scarica l'App, inserisci l'ID e segui questo itinerario dal tuo smartphone!

Complesso monastico San Benedetto Po

Del monastero, fondato nel 1007 da Tedaldo di Canossa e soppresso nel 1797 ad opera di Napoleone Bonaparte, rimangono tutti i luoghi più caratteristici della vita monastica, oggi interamente restaurati e inclusi nel percorso di visita museale, per un esperienza immersiva nella Regola benedettina scandita dal motto “Ora, lege et labora”.

Vista dall'alto del complesso monastico.

Il Complesso monastico di Polirone fu fondato nel 1007 da Tedaldo di Canossa, nonno della celebre contessa Matilde, sull’isola che si trovava tra il Po e il fiume Lirone. Nel 1077, in seguito al famoso episodio avvenuto a Canossa tra l’Imperatore Enrico IV e il papa Gregorio VII che vide la contessa in veste mediatrice, Matilde donò l’abbazia al Papa, il quale a sua volta la pose sotto la giurisdizione di Cluny. L’architettura della Chiesa abbaziale venne quindi adeguata al modello cluniacense attraverso la rimodulazione della parte absidale, che viene strutturata con deambulatorio e cappelle radiali, su modello delle grandi chiese di pellegrinaggio. All’interno della Basilica si trova anche l’Oratorio di Santa Maria databile tra la fine del XI secolo e la metà del XII secolo, risalente quindi ad un periodo antecedente alla morte della contessa. Proprio in questo luogo, per sua volontà, Matilde venne sepolta (1115). Il corpo della Grancontessa venne poi traslato nel 1632 per volere di papa Urbano VIII ed ora riposa nella basilica di San Pietro in Vaticano, nel grandioso monumento realizzato dal Bernini. Il suo sarcofago, successivamente arricchito da quattro leoncini in marmo rosso, è ancora oggi visibile nel pronao della sagrestia. Tra il 1420 e il 1450 la Chiesa Abbaziale venne restaurata dopo l’ingresso del monastero nella congregazione cassinese di Santa Giustina di Padova. Un secolo dopo l’abate Gregorio Cortese incaricò di una nuova ricostruzione il grande Giulio Romano, all’epoca a Mantova al servizio dei Gonzaga, il quale, senza demolire le preesistenti strutture romaniche e gotiche, riedificò la chiesa maggiore adottando soluzioni originalissime per far convivere gli edifici anteriori con il classicismo manierista. Per l’impegno religioso, politico e culturale, il monastero ha occupato un ruolo fondamentale nella storia del monachesimo italiano fino alla sua soppressione (1797) ad opera di Napoleone Bonaparte. Il Complesso monastico comprende anche i tre chiostri dei Secolari, di San Simeone e di San Benedetto, il Refettorio grande con una parete affrescata dal Correggio, le cantine cinquecentesche che ospitano una bellissima collezione di carri agricoli lombardi, reggiani e bolognesi e il Museo Civico Polironiano.

Pievi Matildiche nell'Oltrepò Mantovano.

Foto del cortile interno.

Foto dell'interno del monastero.

Mosaico del 1151 dell'Oratorio di S.Maria,inglobato nel Santuario.