Componi il tuo itinerario

Naviga la mappa e aggiungi le tue destinazioni oppure filtra i luoghi per categoria. Poi scarica l'app Qui Oltrepò e porta con te il tuo itinerario.

Non sai da dove cominciare? Lasciati ispirare dai nostri itinerari.

Itinerari suggeriti

Salva l'itinerario nell'app

Nome itinerario

ID itinerario:

Scarica l'app

Porta con te questo itinerario

Scarica l'App, inserisci l'ID e segui questo itinerario dal tuo smartphone!

Museo Corniani, burattinaio

La collezione della famiglia Corniani è composta da 150 burattini, duecento scenografie, tre teatrini, oggetti di scena, copioni, canovacci, manifesti e fotografie.

Famiglia Corniani.

Il Centro Teatrale Corniani Artisti Associati è la continuazione della famiglia Corniani, burattinai dal 1944. Augusto Corniani inizia nel 1944 a presentare spettacoli di burattini agli amici d'infanzia. Nel dopoguerra, appassionatosi a questo mestiere, decide di essere "burattinaio". Negli anni '60 partecipa ad alcuni Festival Nazionali e conosce famosi e illustri burattinai: Giordano Ferrari di Parma, Nino Pozzo di Verona, Ciro Bertoni e Nino Presini di Bologna, con i quali stringe rapporti di amicizia e di lavoro. Il figlio di Augusto, Maurizio, inizia a collaborare con il padre coadiuvandolo nelle animazioni e nelle voci. La compagnia della Famiglia Corniani, dopo la morte dei "vecchi" burattinai e la cessata attività di alcuni gruppi locali, rimane l'unica ad operare e a rappresentare il Teatro di burattini tradizionali nel mantovano. La bassa padana, confinante con le province di Modena, Reggio e Parma, è conosciuta quale culla di storiche famiglie di tradizione burattinesca (basti ricordare le famiglie Campogalliani, Sarzi e Preti). Dal 1979 al 1995 a Mantova la Famiglia Corniani ha allestito e aperto al pubblico in modo stabile il Museo dei burattini, raccolta di pezzi unici appartenuti a diverse famiglie burattinaie con scenari e baracche. Nel 1990 Augusto Corniani viene insignito del PREMIO "CAMPOGALLIANI D'ORO" per la continuità professionale e l'importante testimonianza del Teatro dei burattini tradizionali della Bassa Padana e per la valorizzazione e diffusione culturale dei burattini attraverso l'allestimento del Museo dei burattini. La collezione della famiglia Corniani è composta da 150 burattini, duecento scenografie, tre teatrini, oggetti di scena, copioni, canovacci, manifesti e fotografie. Un progetto sulla memoria della Famiglia Corniani ha portato alla realizzazione e allestimento di una mostra viaggiante con burattini, oggetti di scena e scenografie titolata "GLI ARMADI BURATTINI" composta da dieci armadi degli anni cinquanta affiancati da vecchi bauli i quali permettono di esporre in modo chiaro tutta la Collezione di famiglia con tre percorsi informativi.

Il Centro Teatrale Corniani Artisti Associati è la continuazione della famiglia Corniani, burattinai dal 1944. Augusto Corniani inizia nel 1944 a presentare spettacoli di burattini agli amici d'infanzia. Nel dopoguerra, appassionatosi a questo mestiere, decide di essere "burattinaio". Negli anni '60 partecipa ad alcuni Festival Nazionali e conosce famosi e illustri burattinai: Giordano Ferrari di Parma, Nino Pozzo di Verona, Ciro Bertoni e Nino Presini di Bologna, con i quali stringe rapporti di amicizia e di lavoro. Il figlio di Augusto, Maurizio, inizia a collaborare con il padre coadiuvandolo nelle animazioni e nelle voci. La compagnia della Famiglia Corniani, dopo la morte dei "vecchi" burattinai e la cessata attività di alcuni gruppi locali, rimane l'unica ad operare e a rappresentare il Teatro di burattini tradizionali nel mantovano. La bassa padana, confinante con le province di Modena, Reggio e Parma, è conosciuta quale culla di storiche famiglie di tradizione burattinesca (basti ricordare le famiglie Campogalliani, Sarzi e Preti). Dal 1979 al 1995 a Mantova la Famiglia Corniani ha allestito e aperto al pubblico in modo stabile il Museo dei burattini, raccolta di pezzi unici appartenuti a diverse famiglie burattinaie con scenari e baracche. Nel 1990 Augusto Corniani viene insignito del PREMIO "CAMPOGALLIANI D'ORO" per la continuità professionale e l'importante testimonianza del Teatro dei burattini tradizionali della Bassa Padana e per la valorizzazione e diffusione culturale dei burattini attraverso l'allestimento del Museo dei burattini. La collezione della famiglia Corniani è composta da 150 burattini, duecento scenografie, tre teatrini, oggetti di scena, copioni, canovacci, manifesti e fotografie. Un progetto sulla memoria della Famiglia Corniani ha portato alla realizzazione e allestimento di una mostra viaggiante con burattini, oggetti di scena e scenografie titolata "GLI ARMADI BURATTINI" composta da dieci armadi degli anni cinquanta affiancati da vecchi bauli i quali permettono di esporre in modo chiaro tutta la Collezione di famiglia con tre percorsi informativi.

Burattini della famiglia Corniani.