Componi il tuo itinerario

Naviga la mappa e aggiungi le tue destinazioni oppure filtra i luoghi per categoria. Poi scarica l'app Qui Oltrepò e porta con te il tuo itinerario.

Non sai da dove cominciare? Lasciati ispirare dai nostri itinerari.

Itinerari suggeriti

Salva l'itinerario nell'app

Nome itinerario

ID itinerario:

Scarica l'app

Porta con te questo itinerario

Scarica l'App, inserisci l'ID e segui questo itinerario dal tuo smartphone!

Palazzo ducale di Revere

Il Palazzo Ducale risale alla seconda metà del ‘400 e nasce dalla trasformazione, voluta dal marchese Ludovico II Gonzaga su progetto dell’architetto Luca Fancelli, dell’antica roccaforte. La torre della fortezza, del 1125, è merlata alla guelfa e dotata di cella campanaria.

Porticato interno del Palazzo ducale di Revere.

Il Palazzo Ducale Gonzaghesco trae origine da una fortificazione iniziata nel 1125 dai modenesi, poi conquistata da mantovani e bresciani. I mantovani la terminarono dotandola di sette torri e la chiamarono “Castello di Revere” dal nome dell’Isola. Dopo alterne vicende, ed in particolare dopo il nuovo straripamento dei fiumi, tra cui il Po (1131), che causò l’allagamento di tutta la provincia e quindi anche dell’isola di Revere e della stessa fortezza, nel 1332 Mons.Bonfatti ne fece cessione a Luigi Gonzaga. Dal 1444 al 1478 fu edificato il Palazzo Ducale, voluto da Ludovico II, sulla base delle sette torri che formavano il sistema difensivo dell’isola di Revere. L’edificio era in un’ottima posizione strategica come avamposto di difesa sul Po, di fronte al territorio nemico. Aveva, inoltre, un indubbio carattere residenziale: vi si riscuoteva il dazio delle merci in transito sul Po ed era, nel contempo, il centro di una corte rurale dei Gonzaga. Questa prima opera compiuta dal Fancelli nel territorio mantovano, doveva avere, presumibilmente pianta chiusa con cortile interno nel disegno originario e questo carattere, come le torri angolari, è una derivazione iconografica e tipologica fondamentale, tipica dei castelli locali. Il castello divenne in seguito palazzetto fortificato con una funzione che è ancora politico – militare. Oggi presenta un impianto costituito da un volume a “C” che racchiude un cortile interno, porticato al piano terra in cui è stato ravvisato l’influsso del Brunelleschi. Il corpo centrale risulta inquadrato e definito da due torri.

Particolare del porticato interno.

Ingresso del Palazzo ducale di Revere.

Palazzo ducale di Revere.

Palazzo ducale di Revere - pianta piano terra

Planimetria del piano terra del Palazzo ducale.