Componi il tuo itinerario

Naviga la mappa e aggiungi le tue destinazioni oppure filtra i luoghi per categoria. Poi scarica l'app Qui Oltrepò e porta con te il tuo itinerario.

Non sai da dove cominciare? Lasciati ispirare dai nostri itinerari.

Itinerari suggeriti

Salva l'itinerario nell'app

Nome itinerario

ID itinerario:

Scarica l'app

Porta con te questo itinerario

Scarica l'App, inserisci l'ID e segui questo itinerario dal tuo smartphone!

Salame dal budello gentile De.Co.

Il salame gentile è caratterizzato dal budello in cui è insaccato che è la parte terminale dell'intestino: questo budello ha la caratteristica di avere una parete di spessore elevato (mediamente fino a circa 2 mm) costituita prevalentemente di grasso.

Il prodotto gastronomico locale “salame mantovano gentile” assume la denominazione comunale di origine esclusivamente nel rispetto della seguente scheda identificativa disciplinare di produzione: 1) Si può utilizzare questa denominazione se prodotto all’interno dei confini comunali; 2) I suini: - Devono appartenere alla categoria Large White italiana; Duroc; Goland /c.21; - Devono essere allevati in allevamenti del territorio mantovano con disciplinare DOP di Parma; - Devono avere dai 10 ai 12 mesi; - Devono avere un peso non inferiore a 200 Kg. 3) I suini devono essere macellati in macello C.E, e utilizzati tutti i tagli nobi; La carne selezionata deve essere successivamente messa a raffreddare per non meno di 24 ore a zero gradi. 4) La macinatura deve essere effettuata utilizzando uno stampo con diametro di 10 mm. 5) L’impasto deve essere effettuato utilizzando i seguenti ingredienti: sale, spezie, pepe spezzato, aglio fresco, aromi, zuccheri: destrosio e saccarosio, antiossidante (E301), conservanti (E252, E250). 6) L’impasto deve essere insaccato nel budello gentile (budello proveniente da maiale), con pezzature comprese da 1 a 5 Kg. 7) La stagionatura deve essere effettuata in celle frigorifere, che va dai a 4 mesi a 8 mesi a seconda della pezzatura stessa a 12 gradi di umidità. Villa Poma, 27/08/2012 La Denominazione Comunale è la carta d’identità di un prodotto, un’attestazione che lega in maniera anagrafica un prodotto o una produzione al luogo storico di origine. In altri termini, è un certificato notarile contrassegnato dal Sindaco, il primo cittadino, a seguito di una delibera comunale, che certifica, con pochi e semplici parametri, il luogo di “nascita” e di “crescita” di un prodotto e che ha un forte e significativo valore identitario per una Comunità.