Componi il tuo itinerario

Naviga la mappa e aggiungi le tue destinazioni oppure filtra i luoghi per categoria. Poi scarica l'app Qui Oltrepò e porta con te il tuo itinerario.

Non sai da dove cominciare? Lasciati ispirare dai nostri itinerari.

Itinerari suggeriti

Salva l'itinerario nell'app

Nome itinerario

ID itinerario:

Scarica l'app

Porta con te questo itinerario

Scarica l'App, inserisci l'ID e segui questo itinerario dal tuo smartphone!

Torre civica a Suzzara

La torre civica di Suzzara, unico elemento rimasto dell’antico castello, fu eretta a partire dal 1372 all’esterno della cinta muraria medievale, a fianco alla porta d’ingresso, sotto il potere di Lodovico I Gonzaga. Inizialmente alta 25 metri e quindi portata agli attuali 32 metri nei primi decenni del ‘400, è il monumento principale della città. Dopo i lavori di restauro eseguiti pochi anni fa, è ora possibile salire fino alla sommità, da cui si ha uno splendido panorama sulla città e sulla campagna circostante.

Unico resto del castello della città venne eretta in prossimità della fossa d’acqua che cingeva le mura, in corrispondenza del ponte che ne consentiva l’attraversamento. L’insediamento fortificato è documentato già nell’800, anche se la forma definitiva del castello e sue strutture (torri, torricini, mastio, ponte levatoio) venne data da Ludovico I Gonzaga tra il 1372 e il 1376. L’altezza definitiva di circa 32 metri venne raggiunta con un sopralzo realizzato negli anni tra 1380 e il 1400 . Utilizzata per scopi difensivi e di avvistamento, ospitò fin da subito le prigioni nel piano inferiore che era posto in comunicazione con un piccolo edificio addossato alla torre. Nei secoli successivi la torre fu oggetto di continui lavori di manutenzione e riparazione, risarcitura di lesioni, restauro dei merli, manutenzione delle campane e dell’orologio. Nel 1927 venne demolito il piccolo fabbricato della prigione e qualche anno dopo venne sistemato il fabbricato adiacente in via IX febbraio, ora sede del WWF, dal quale avviene l’accesso alla torre. Nel 1950 venne posto in sommità il serbatoio per l’acquedotto comunale, dotando la torre di scalette molto ripide e solai in legno per l’accesso alla sommità. Nel 1984 vennero effettuati lavori di restauro su progetto dell’arch. Giancarlo Pavesi: venne tolta la cisterna, si realizzò il nuovo pluviale per lo smaltimento dell’acqua piovana; si intonacò l’interno della cella campanaria e si chiusero i fori che conducevano alla colombaia. Dal 1984 ad oggi sono stati effettuati sporadici interventi di manutenzione ordinaria e realizzata una campagna diagnostica nel 2004. L’Amministrazione Comunale di Suzzara ora intende intervenire sulla Torre civica della città per realizzare interventi di restauro e riparazione.

Torre civica di Suzzara.